Trova il miglior software GDPR per la gestione della privacy con il nostro comparatore gratuito

Con l’imminente entrata in vigore del Regolamento Europeo 2016/679, meglio conosciuto come GDPR, dotarsi di un software gestionale che adempia a tale normativa è una necessità della massima urgenza. A partire dal 25 maggio, infatti, ogni azienda che opera all’interno dell’Unione Europea sarà obbligata a soddisfare tutta una nuova serie di requisiti nell’ambito della protezione dei dati.

Chi non si adatta in tempi brevissimi rischia di incorrere in ammonizioni o sanzioni che potrebbero compromettere la redditività o addirittura la sopravvivenza stessa del proprio business. Soddisfare tutte queste nuove esigenze richiede una serie di conoscenze specifiche ed una corretta gestione dei dati all’interno dell’azienda. Per facilitare l’adempimento di tali compiti la soluzione più sicura è dotarsi di software per la gestione della privacy. SoftDoit è in grado di aiutarti a selezionare le soluzioni più adatte a te.

SoftDoit, infatti, confronta gratuitamente i migliori software e genera il tuo ranking personalizzato. Potrai verificare così, rapidamente, qual è la miglior soluzione per la gestione dei dati rispettando il GDPR, quali sono i software che ti consentono di gestire a norma di legge i dati personali in tuo possesso.

 
 
Il nostro comparatore per gestionale

Se stai cercando una software gestionale per l'impresa noi possiamo aiutarti nella selezione del miglior programma per la tua attività. Compila ora il questionario, indicandoci le tue caratteristiche e necessità, per trovare la miglior soluzione gestionale per la tua azienda.

1
2
3
 
 
 

Vuoi trovare il miglior software gestionale che adempia alla normativa GDPR per la tua impresa? Sei alla ricerca di un nuovo software che compia la nuova normativa sulla privacy di clienti, fornitori o dipendenti? Rispondi subito alle domande del questionario: ti bastano pochi click per sapere quali sono le migliori soluzioni per te. Non perdere altro tempo: il ranking è rapido, personalizzato e totalmente gratuito.

 
 
 
 

Cosa vuol dire GDPR?

Letteralmente la sigla significa General Data Protection Regulation, ossia un regolamento generale sulla protezione dei dati. È una disposizione della Commissione Europea che sostituisce la precedente normative e la unifica a livello comunitario.

Non solo le imprese europee sono soggette a tali nuove restrizioni, ma tutte le aziende che trattano dati di cittadini europei, a prescindere da dove si trovino le sedi operative o legali.

I dati di cui si fa riferimento non sono solo quelli personali ma anche generici, biomedici e sulla salute. Tutte quelle informazioni, dunque, che identificano univocamente oppure autenticano una persona fisica.

Per entrare nello specifico dei dati sensibili raccolti da qualsiasi azienda o professionista, la nuova legge sulla privacy regolamenta la gestione delle anagrafiche quali:

  • clienti
  • fornitori
  • dipendenti
  • campagne marketing
  • gestione siti web
  • sistemi di videosorveglianza
 
Cosa vuol dire GDPR?+ infografia
 

Quali sono le principali funzioni di un software GDPR?

Ogni azienda crea, raccoglie e dispone di un numero elevato di informazioni riguardanti clienti, fornitori e dipendenti. Se operiamo nel settore della salute, poi, i dati e le informazioni si moltiplicano in maniera esponenziale. Per chi si occupa di marketing il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati impone restrizioni ben definite per quanto riguarda la manipolazione e l’utilizzo dei dati personali. Gli strumenti informatici che già utilizziamo, siano essi ERP, CRM o software HR per esempio, devono oggi quindi operare anche nel pieno rispetto di tali norme. Per tale ragione dobbiamo tener presente il GDPR quando selezioniamo un nuovo software per la nostra attività.

Riportiamo di seguito le principali funzioni che svolge un software GDPR per le banche dati.

  • Raccolta informazioni: creazione di un documento o template da inviare ai clienti già presenti nel database e a chi si vuol inserire ex novo per ottenere l’autorizzazione al trattamento.
  • Archiviazione digitale: tutti i consensi ricevuti, siano essi cartacei o telematici, devono essere conservati in appositi archivi digitali.
  • Registrazione delle informazioni: conservare lo storico delle comunicazioni e delle risposte per poter risalire e tracciare ogni fase.
  • Gestione dati inseriti: ricevute le risposte affermative al consenso al trattamento si è autorizzati all’utilizzo delle informazioni ricevute.
 

Cosa comporta questa nuova normativa?

Il regolamento può sicuramente spaventare, almeno all’inizio. Bisogna però pensare che nasce per salvaguardare la privacy dei cittadini europei. A livello professionale è necessario che i software che già utilizziamo siano in regola. Se al contrario ancora non si gestiscono correttamente i dati raccolti è necessario informatizzare le banche dati:

  • le anagrafiche di clienti e fornitori
  • i dati personali raccolti dal sito web e/o attraverso campagne presenziali o telefoniche
  • i sistemi di videosorveglianza e le registrazioni audio/video
  • i nominativi e i dati sensibili del personale dipendente
 

Scegli la soluzione adatta al tuo business affidandoti a dei veri esperti nel settore

Fino a ieri raccogliere dati di clienti e utenti, per esempio, era più semplice. Con la nuova normativa, invece, il consenso alla gestione deve essere dato dall’interessato in maniera precisa, inequivocabile e informata. Questo scenario deve essere affrontato tanto per i nuovi quanto per i dati già raccolti e inseriti all’interno del database dell’azienda.

Selezionare una soluzione in linea con il GDPR, ovvero un software che ci faccia sentire davvero tranquilli, non è affatto semplice. SoftDoit ti fornisce il supporto di cui hai bisogno. Risparmia tempo e denaro preziosi: richiedi ora l’analisi comparativa gratuita che ti consente di scegliere il programma per gestire la privacy dei dati, personali e non solo, più giusto per le tue esigenze. Dormi sonni tranquilli grazie a SoftDoit!